“Champagne Molotov”

A poco meno di una settimana dalla manifestazione di
Genova leggo le due agenzie (che pubblico di seguito) e una volta di più mi
viene da domandare in quale razza di paese viviamo… !?!?! E allora brindiamo
pure all’ ennesima promozione… cambiano i governi… la vergogna rimane sempre la
stessa…

Haidi Giuliani:
«Promozione Luperi inaccettabile»
«La promozione di un dirigente imputato per le violenze a
Genova nel 2001, Giovanni Luperi, nominato capo del Dipartimento analisi
dell’ex Sisde, è impossibile da digerire». E’ quanto afferma in una nota la
senatrice Haidi Giuliani, che sulla vicenda presenterà un’interrogazione
parlamentare. «Dopo la manifestazione di sabato scorso, pacifica e bellissima,
che chiedeva l’istituzione della commissione d’inchiesta, dalle istituzioni ci
arriva questa risposta: la promozione di uno di coloro che ha partecipato ai
pestaggi e alle torture di quella che è stata chiamata la notte cilena, a
Genova–prosegue Haidi–Credo che si stia creando un solco incolmabile tra il
popolo dell’Unione e un governo che aveva tra i suoi impegni la commissione
parlamentare sul G8. Un impegno disatteso per poi premiare i responsabili della
gestione dissennata anticostituzionale e antidemocratica dell’ordine pubblico
in quei giorni".

Agnoletto e Di Sabato
su promozione Luperi, l’uomo delle molotov alla Diaz

«La nomina di Luperi è la peggior risposta che il governo
poteva dare a tutti coloro che da oltre sei anni chiedono verità e giustizia su
Genova. Una vera e propria provocazione per coloro che sabato scorso hanno
partecipato a Genova alla grande e pacifica manifestazione per chiedere verità
e giustizia». E’ quanto afferma l’europarlamentare Prc Vittorio
Agnoletto, sul nuovo incarico affidato all’ex vicedirettore dell’antiterrorismo
Giovanni Luperi, tra gli imputati per i fatti avvenuti alla Diaz durante il G8
di Genova. Luperi, assumerà l’incarico di Capo del Dipartimento Analisi
dell’Aisi, l’Agenzia per l’informazione e la sicurezza interna.

“Con questa decisione si continua nella pratica, già
avviata dal governo Berlusconi, di collocare al vertice di tutti gli apparati
dei servizi proprio coloro che hanno gestito l’ordine pubblico a Genova, alcuni
dei quali addirittura indagati–continua Agnoletto–Il messaggio è chiaro: aver
diretto a Genova operazioni quali l’assalto alla scuola Diaz, le torture di
Bolzaneto e il pestaggio di centinaia di pacifici dimostranti continua ad
essere, evidentemente, un motivo per ricevere plausi e promozioni. Una politica
in netto contrasto anche con il programma dell’Unione che prevedeva
l’istituzione della commissione d’inchiesta parlamentare; una commissione
evidentemente inutile per questo governo che promuove proprio coloro
sull’operato dei quali dovrebbe indagare. Mi chiedo chi potrà mai sentirsi
sicuro sapendo che la sicurezza dei cittadini italiani è affidata a chi ha
gestito l’ordine pubblico a Genova nel 2001. Se la decisione non verrà bloccata
la distanza tra l’esecutivo e un’ampia parte del suo elettorato diventerà un abisso
incolmabile”.

Per Italo Di Sabato, responsabile Osservatorio sulla
repressione del Prc, «la nomina di Luperi è preoccupante». “Sabato
scorso–afferma l’esponente del Prc–più di cinquantamila persone sono scese in
piazza a Genova per chiedere verità e giustizia. Oggi assistiamo all’ennesimo
schiaffo alla verità. La promozione di uno dei dirigenti imputati al processo
Diaz, Giovanni Luperi, nominato capo del Dipartimento analisi dell’ex Sisde, è
preoccupante per le migliaia di cittadini che dai 6 anni chiedono verità”. “La
sospensione dello stato di diritto–prosegue Di Sabato–avvenuta a Genova nel
luglio 2001 non ha portato a scelte serie e forti in difesa delle garanzie
costituzionali. Né il governo del tempo, né quello attuale hanno chiesto scusa
alle vittime, sospeso i dirigenti implicati, promosso una commissione
parlamentare d’inchiesta, come previsto a pagina 77 del programma dell’
Unione”. “La nomina di Luperi a un ruolo così delicato nell’ambito dei servizi
segreti–conclude Di Sabato–è una triste e preoccupante conferma dell’incapacità
del potere politico di garantire e difendere i diritti democratici di tanti
cittadini umiliati nelle strade, nelle scuole e nelle caserme di Genova durante
il G8 del 2001”.

 

G8: Luperi promosso
all’ex Sisde
Italia, da imputato
al nuovo servizio segreto Aisi

fonte: Peacereporter

Interno della scuola Diaz di Genova dopo il massacro del 2001L’ex vicedirettore dell’Ucigos, Giovanni Luperi, imputato
nel processo per l’irruzione nella scuola Diaz di Genova avvenuta durante i
concitati giorni del G8 nel luglio 2001, è stato nominato oggi capo del
Dipartimento analisi dell’Agenzia informazioni e sicurezza interna (Aisi), l’ex
Sisde.

Luperi era stato inizialmente indagato (in seguito
prosciolto) per lesioni ai danni dei ragazzi che si trovavano all’interno della
scuola Diaz. Attualmente Luperi si trova indagato per falso in atto pubblico,
abuso d’ufficio e calunnia aggravata. La notizia della promozione di Luperi lascia senza parole
Vittorio Agnoletto leader del Genova Social Forum. “Siamo senza parole. La
promozione di uno dei dirigenti più imputati del processo Diaz è un nuovo
insulto all’etica costituzionale, una nuova bastonatura per chi fu vittima
delle violenze e degli abusi nella famigerata ‘notte dei manganelli’”.

Ma la promozione di Luperi non è l’unico fatto
inquietante. Gli imputati più alti in grado responsabili della “macelleria
messicana” sono stati tutti promossi.

 

This entry was posted in Genova G8. Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *