Prime vittime di Sarkò

Parigi, 24 settembre
E’ morta la donna cinese “sans-papiers” di 51 anni che venerdì
scorso si era gettata dalla finestra della sua abitazione per sfuggire ad un
controllo di polizia
(articolo tratto liberamente dal sito Le JDD.fr)

contro le politiche migratorie di SarkozyChunlan Zhang, cinese di 51 anni, che giovedì scorso poco
prima della mezzanotte si era gettata dalla finestra della sua abitazione non è
sopravvissuta. Tentava di sfuggire alla polizia venuta a consegnare una
convocazione giudiziale all'uomo che l'ospitava. Deceduta da venerdì, la sua
morte non è stata comunicata che questo lunedì.

È probabilmente per paura di essere controllata che la
signora Chunlan Zhang, in situazione irregolare, si è gettata sulla strada. Un
incidente drammatico che ricorda quello del piccolo Yvan che aveva saltato
della finestra con suo padre per sfuggire ad un controllo di identità il 9
agosto ultimo ad Amiens.

Un dramma che suscita l'indignazione e la denuncia della
sinistra e delle associazioni che denunciano una vera caccia agli illegali e la
recrudescenza dei controlli d' identità, puntando il dito sulle politiche del
governo Sarkozy sull' immigrazione che recentemente ha quantificato in 25.000
le espulsioni previste per quest' anno.

Il sindaco di Parigi, Bertrand Delanoë, ha inviato un
messaggio chiaro al governo in un comunicato. "Chiamo il governo al più
grande discernimento, deplorando la pressione crescente che si esercita sugli
stranieri della nostra capitale, con la moltiplicazione dei controlli di
identità e delle interpellanze collettive. Mi addolorano le condizioni disumane
di applicazione della legge. Una vera politica dell'immigrazione non può
ridursi ad un seguito ossessivo di obiettivi cifrati di espulsioni ".

L' organizzazione RESF (Rete di Educazione Senza
Frontiere)
ha indetto un presidio lunedì sera, davanti al luogo dove si è
consumata la tragedia. L'organizzazione ha convocato anche una riunione
unitaria delle organizzazioni e partiti politici che "difendono i diritti
dell'uomo." Il Movimento contro il razzismo e per l'amicizia tra i popoli
(MRAP) denuncia, da parte sua, che l'immigrata cinese è "vittima di un
razzismo di stato" e "ritiene direttamente responsabile il governo di
questa tragedia."

Dal canto suo, il sindacato di polizia Alleanza, schierato
a destra, dichiara che la polizia non ha nessuna responsabilità nell questione.
"La polizia nazionale non può essere ritenuta in nessun caso responsabile
degli atti di persone che tentano di sottrarssi ad un controllo o ad una
convocazione legittima", aveva annunciato in un comunicato.

Proprio lo stesso giorno del dramma, l' Assemblea
Nazionale aveva adottato il progetto di legge sull'immigrazione che instaura il
test DNA per il ricongiungimento familiare.

This entry was posted in razzismo /cpt / migranti /società / movimenti / pace / diritti. Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *