Eurorazzismo

L'eurorazzismo
colpisce rom e immigrati
Discriminazioni e
violenze, sul lavoro come a scuola e per fittare una casa.
In Italia tanti casi
e nessuna sanzione

Di Alberto D'Argenzio – Bruxelles

Nella ricerca di un lavoro, a scuola, nell'affitto di un
appartamento e allo stadio, il razzismo e la xenofobia sono dei fenomeni di
casa in Europa. Lo specifica ancora una volta il rapporto dell'Agenzia
comunitaria ad hoc presentato ieri a Bruxelles. I casi di discriminazione o
violenza contro determinati gruppi etnici ed immigrati aumentano nella Ue, ma
si tratta pur sempre di dati parziali perché pochi stati membri hanno creato un
sistema di verifica, allerta e punizione dei fenomeni razzisti. Mentre altri, ed è il caso dell'Italia con l'Unar,
l'Ufficio nazionale antidiscriminazioni razziali, raccolgono le statistiche ma
non fanno il passo successivo, ossia non verificano che i crimini vengano
effettivamente puniti.
«In Italia non ci sono dati sull'applicazione delle direttive sull'uguaglianza
(…) non ci sono prove che una sanzione effettiva, proporzionata e dissuasiva
sia stata applicata in un singolo caso di discriminazione etnica nel periodo di
studio», ossia nel 2005-2006.

E dire che nel biennio nel belpaese sono
state presentate 867 denunce e in 282 casi un tribunale o un'altra istituzione
hanno certificato l'esistenza di un comportamento discriminatorio. «Nei paesi
in cui le sanzioni sono virtualmente assenti – continua il rapporto facendo
riferimento anche all'Italia – c'è la tendenza a risolvere il problema con
pressioni morali, raccomandazioni, mediazioni e conciliazioni. (…)

Dove non ci sono serie e credibili minacce di sanzioni e
dove non esiste una tradizione in questo senso, le conciliazioni e le
mediazioni non permettono di rafforzare la posizione delle vittime e non creano
un effetto di deterrenza efficace».

Solo Gb, Francia, Irlanda, Romania, Svezia e Ungheria
hanno creato un sistema funzionale di punizione dei delitti di razzismo e
xenofobia. «Le direttive europee sono quasi completamente disattese: oltre 20
paesi non hanno recepito le norme comunitarie», afferma Giusto Catania,
l'eurodeputato del Prc incaricato di redigere il rapporto sullo stato dei
diritti fondamentali nella Ue per il periodo 2004-2007.
Andando ai dati, i più colpiti sono i rom, seguiti dagli immigrati e dai
richiedenti asilo.

Le discriminazioni si sviluppano in tutti gli ambiti della
vita, dalla scuola ai «rapporti» con la polizia e la pubblica amministrazione,
dalla ricerca di un'abitazione a quella del lavoro e sul lavoro stesso. Su
questo aspetto c'è un dato curioso e uno triste. Il primo riguarda la Grecia e la Repubblica Ceca,
dove il tasso di disoccupazione degli immigrati è più basso di quello degli
autoctoni.

La stranezza ha varie spiegazioni, e tutte nascondono
discriminazione: l'alto numero di irregolari che non vengono calcolati nelle
statistiche in Grecia e le condizioni assai rigide per avere un permesso di
soggiorno a Praga e dintorni. Ma soprattutto il fatto che l'immigrato sia
disposto ad accettare i peggiori lavori o quelli sottopagati pur di avere dei
documenti. La nota triste, molto italiana, è quella degli incidenti sul lavoro:
dal 2003 al 2004 quelli che hanno visto protagonisti dei migranti sono
aumentati del 7%.

fonte Il Manifesto

This entry was posted in razzismo /cpt / migranti /società / movimenti / pace / diritti. Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *