Attacco Antirazzista


"…Vogliamo vedere giocare questo ’gioco meraviglioso’ senza che la piaga
del razzismo possa rovinarlo.
Il calcio è il gioco più popolare del mondo ed appartiene a tutti noi.
Ad ogni persona dovrebbe essere garantito il diritto di giocare, essere spettatore o discutere del gioco liberamente e senza alcun timore…"

Milano – @ Cantiere : FoodBall presenta "Attacco Antirazzista" & "Calciopoli"!

assemblea pubblica e presentazione del libro post social aperitive Global Project Milano – Venerdì 23 marzo 2007 A.Ra.xe., Taverna Sociale Clandestina e FoodBall presentano: Venerdì 23 Marzo 07

Presentazione del libro "Attacco antirazzista"
Una serata per il Futbol Rebelde, una serata e una "Zona libera dal razzismo".

Dibattito e presentazione del libro "Attacco antirazzista" – rapporto su razzismo e antirazzismo nel calcio, di Mauro Valeri; e "Calciopoli" di Bruno Bartolozzi e Marco Mensurati, sul collasso e sulla restaurazione del sistema calcio corrotto"

partecipano:

Mauro Valeri _autore del libro Franz Peverieri_ass. Noi Ultras
Matteo Ghione_calciatore juventus (squadra primavera)
Bruno Bartolozzi_giornalista sportivo

Saranno presenti e sono invitati collettivi, realtà ed associazioni attive nella lotta al razzismo nel mondo dello sport.

A seguire "that’s the way we like it" video autoprodotto dagli ultrà del Sankt Pauli, storica squadra antifascista e antirazzista di Amburgo e video della giornata del 3 Marzo 2007, manifestazione nazionale contro i CPT a Bologna.

Dalle 20.00 inoltre la Taverna Sociale Clandestina organizzerà una cena antirazzista, di cui parte dei fondi raccolti andrano al progetto dell’Estadio del Bae.

A più di un anno dall’esposizione di bandiere, striscioni e stendardi con simboli fascisti e razzisti sugli spalti dell’Olimpico, dai numerosi episodi di intolleranza nei confronti di giocatori e di tifosi, avversari e non, avvenuti in numerosi stadi italiani durante lo scorso campionato…

A quasi un anno dallo scandalo che ha travolto i vertici del calcio italiano, per poi lasciare tutto o quasi esattamente come era prima e come è sempre stato, pensando che basti vincere un mondiale,o trattare i giocatori come eroi (gli stessi che si fanno riprendere mentre si dopano o si scrivono "boia chi molla" sulla maglia numero 88) per cancellare tutto…

A poco più di un mese dagli scontri di Catania che hanno portato alla morte dell’ispettore Raciti, ancora oggi avvolta nel dubbio rispetto alla dinamica dei fatti, ma che subito ha scatenato una tempesta di commenti ed un dibattito mai fatto precedentemente, arrivando a dimostrare che per certa gente la vita di un poliziotto vale più di quella di un tifoso o di un dirigente…

A più di un mese dal brutale pestaggio mortale ai danni di Ermanno Licursi dirigente della Sammartinese, che ha pagato la colpa di essere un appasionato di calcio dove il calcio è colluso con la criminalità organizzata e dove è spesso facciata per nascondere ben altri interessi; un episodio di cui non si è voluto parlare ne’ a "ControCampo" ne’ alla "Domenica Sportiva" o da "Biscardi", come da nessun altra parte, se non in maniera marginale…

A una settimana dall’effettiva entrata in vigore delle decisioni dell’ Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni Sportive, che dispone il divieto di introdurre materiale coreografico o di diffusione sonora se non autorizzato e sotto un pesantissimo controllo; non si proibisce di introdurre striscioni razzisti, ma si proibisce di introdurre striscioni! come se per punire chi produce film razzisti si proibisse l’uso delle telecamere!…

Per parlare di tutto questo, di quello di cui nessuno ha voluto parlare, con ospiti speciali e contributi video straordinari, dall’Italia e dall’Europa, vi aspettiamo Venerdì 23 Marzo alle 18.00

"…Vogliamo vedere giocare questo ’gioco meraviglioso’ senza che la piaga del razzismo possa rovinarlo. Il calcio è il gioco più popolare del mondo ed appartiene a tutti noi. Ad ogni persona dovrebbe essere garantito il diritto di giocare, essere spettatore o discutere del gioco liberamente e senza alcun timore…"

NO AL RAZZISMO E AL CALCIO-MAFIA! CHI AMA IL CALCIO ODIA IL RAZZISMO!

Il Cantiere si trova in via Monterosa 84, MM1 Lotto 90/91/49, Milano. X more info: cantiere@globalproject.info + http://www.cantiere.org

This entry was posted in calcio /razzismo. Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *